Implantologia e chirurgia orale

Implantologia

Impianti dentali

Impianti dentaliNegli ultimi 30 anni è possibile sostituire il dente perso o la radice con un impianto dentale.

Gli impianti dentali sono fatti da materiali di altissima qualità come il titanio o il zirconio, e vengono inseriti nell’osso al posto del dente perduto.

Questo significa che gli impianti dentali hanno la funzione delle radici dei denti .

Hanno una forma conica e sono ad alta tolleranza biologica, non provocano rigetto ed il materiale rimane immutato nel tessuto osseo.

Il timore generalmente diffuso che il corpo rigetta l’impianto è completamente infondato.

Se il chirurgo lavora secondo le regole della professione e con materiali di altissima qualità, non può esserci un rigetto.

Ad ogni paziente vengono date le istruzioni per l’igiene orale e lo invitiamo a seguirle scrupolosamente.

L’inserimento dell’impianto viene eseguito in anestesia locale ed è completamente indolore.

In fase di guarigione si può manifestare un lieve dolore ed una lieve tumefazione (come dopo un’estrazione).

L’impianto integrato rappresenta la radice del dente artificiale ,può essere fissato singolarmente o in denti multipli in diverse costruzioni protesiche.

A seconda delle indicazioni del medico, dopo un periodo di osseointegrazione (il processo di connessione tra osso e impianto che puo’ durare da 2 a 6 mesi) si passa alla fase protesica: corone e ponti su impianti oppure protesi.

A chi e’ destinata l’implantologia?

L’inserimento di un impianto dentale è impossibile, se il volume osseo si è ridotto notevolmente a causa della perdita dei denti.

Ci sono anche delle malattie sistemiche avanzate (osteoporosi, diabete ecc) che ne impediscono la buona riuscita e degli ostacoli anatomici che però sono facilmente risolvibili.

Per ovviare a questo problema occorre aumentare il volume osseo alveolare.

L’innesto osseo autologo, cioè l’osso proprio del paziente, viene prelevato da altre sedi e posizionato nel sito da operare, oppure può essere riempito con osso sintetico coperto da una membrana riassorbibile biocompatibile.

Esistono diversi metodi del trapianto e dell’inserimento dell’osso e sarà il chirurgo orale a decidere in base alla quantità e alla posizione dell’inserimento dell’impianto, quale sia il metodo migliore.

Dopo l’integrazione ossea bisogna attendere da 4 a 9 mesi prima di inserire gli impianti.

Ricostruzione dell’osso

Dopo l’estrazione dei denti e la guarigione della ferite, è normale una riduzione del volume osseo, con conseguenti diffeti estetici e funzionali.

La ricostruzione ossea è un metodo con il quale si può aumentare l’altezza o la densità dell’osso mascellare prima del posizionamento degli impianti.

Viene fatto quindi un innesto osseo mascellare in modo da rendere l’osso più consistente.

Per avere successo nel posizionamento degli impianti dentali, è necessario garantire un dato volume osseo nella zona del posizionamento, in quanto l’osso che circonda gli impianti deve avere solidità e stabilità durante il processo della masticazione.

Il miglior materiale per l’innesto continua ad essere l’osso autologo (osso proprio del paziente), prelevato ad esempio nella regione dell’angolo mandibolare o del mento e poi trapiantato.

Solo in caso di innesti molto estesi può rivelarsi necessario un prelievo di osso al di fuori del cavo orale, ad esempio dalle ossa del bacino.

Per difetti di piccola entità si possono usare  sostituti ossei  di origine sintetica o naturale.

La qualità da noi viene per prima!

Il Centro per l’implantologia dentale ed estetica DentaS, lavora con i migliori impianti disponibili sul mercato, senza compromessi!

Astra tech (www.astratech.com), Nobel biocare (www.nobelbiocare.com), American Straumann (www.straumann.us), SGS Dental (www.sgs-dental.com), Dentium (www.dentium.com).

Tutti i nostri sistemi implantari forniscono ottimi risultati e una garanzia A VITA, e noi possiamo contare sulla loro affidabilità nel tempo.

Chirurgia orale

La chirurgia orale è una branca dell’odontoiatria che comprende una varietà di procedure chirurgiche del cavo orale.

Le procedure chirurgiche orali più comuni sono:

  • estrazione dei denti del giudizio
  • estrazione complicata di canini o denti del giudizio impattati
  • resezione del canale radicolare
  • estrazione della radice del dente rotto
  • rialzo del seno mascellare o modellazione dell’osso nella mascella superiore

La chirurgia orale comprende anche la ricostruzione estetica e funzionale della cavità orale e le operazioni di preparazione per protesi e impianti.

In collaborazione con altre specialità della medicina dentale, in modo particolare durante un trattamento ortodontico a volte succede che sia necessario rimuovere dei denti sani, da latte o permanenti, per fare in modo che la terapia abbia successo completo.

Tutte le procedure di chirurgia orale vengono eseguite in anestesia locale e sono completamente indolore.

Rialzo del seno mascellare

L’estrazione o la perdita dei premolari e dei molari superiori causano spesso, entro qualche mese, un processo di riassorbimento dell’osso che fungeva da supporto per la radice del dente; in questo modo il seno mascellare si estende verso il basso.

Il risultato è che l’osso mascellare risulta troppo sottile per posizionare un impianto; infatti la filettatura dell’impianto cadrebbe “nel vuoto” del seno mascellare e non sarebbe sufficientemente ancorata all’osso.

La tecnica chirurgica ha risolto il problema con un’operazione che prevede lo scollamento della sottile membrana, in modo da innalzarla verso l’alto e riempire di osso sintetico la parte di seno mascellare che servirà successivamente per l’inserimento di un impianto.

Infatti, dopo alcuni mesi, l’osso sintetico viene colonizzato dalle cellule dell’osso del paziente e si ottiene un osso addatto all’inserimento di un impianto, che riceve così sufficiente altezza per essere saldamente ancorato alla struttura ossea.

Estrazione dei denti del giudizio

La rimozione dei denti del giudizio è la procedura chirurgica più comune in chirurgia orale.

Durante la loro crescita, i denti del giudizio possono causare sintomi infiammatori e dolorosi chiamati pericoronite.

La pericoronite è un infiammazione che colpisce la gengiva circostante al dente parzialmente cresciuto.

I sintomi di mancatacrescita del dente sono:

  • dolore e gonfiore
  • difficoltà ad aprire la bocca
  • alito cattivo
  • febbre

In certe situazioni e’ sufficente una pulizia intensiva, ma in caso di una crescita piu’ complicata e’ indispensabile l’estrazione del dente.

I denti del giudizio possono essere trattenuti o impattati.

Sono trattenuti i denti del giudizio che non sono riusciti a crescere in un arco dentale completo di denti perché hanno avuto ostacoli fisici che ne hanno impedito la crescita.

I denti impattati invece sono quei denti che non sono cresciuti per altri motivi quali, direzione sbagliata della crescita, posizione troppo profonda del germe dentale, danni al germe dentale ecc.

La rimozione del dente del giudizio viene eseguita in anestesia locale e gestita da uno specialista in chirurgia orale.

Estrazione dei denti del giudizio

La rimozione dei denti del giudizio è la procedura chirurgica più comune in chirurgia orale.

Durante la loro crescita, i denti del giudizio possono causare sintomi infiammatori e dolorosi chiamati pericoronite.

La pericoronite è un infiammazione che colpisce la gengiva circostante al dente parzialmente cresciuto.

I sintomi di mancatacrescita del dente sono:

  • dolore e gonfiore
  • difficoltà ad aprire la bocca
  • alito cattivo
  • febbre

In certe situazioni e’ sufficente una pulizia intensiva, ma in caso di una crescita piu’ complicata e’ indispensabile l’estrazione del dente.

I denti del giudizio possono essere trattenuti o impattati.

Sono trattenuti i denti del giudizio che non sono riusciti a crescere in un arco dentale completo di denti perché hanno avuto ostacoli fisici che ne hanno impedito la crescita.

I denti impattati invece sono quei denti che non sono cresciuti per altri motivi quali, direzione sbagliata della crescita, posizione troppo profonda del germe dentale, danni al germe dentale ecc.

La rimozione del dente del giudizio viene eseguita in anestesia locale e gestita da uno specialista in chirurgia orale.

L’operazione è indolore, anche se un po’ difficoltosa a causa della sua posizione in vicinanza al nervo mandibolare.

Dopo l’intervento chirurgico è importante che il paziente segua le indicazioni impartitegli dal medico, in particolare deve tenere pulita la ferita per ridurre il rischio di infezione.

Un lieve dolore ed il gonfiore post operatorio sono normali dopo l’intervento, come anche un intorpidimento temporaneo della lingua e del labbro inferiore (parestesia).

Quest’ultimo è un fenomeno temporaneo che passerà gradualmente nel giro di qualche giorno.

Il recupero dopo l’estrazione del dente del giudizio è soggettivo, dipende da una serie di fattori come le condizioni mediche generali, il volume dell’intervento e la costituzione del paziente, generalmente variano da un minimo di 1 / 2 giorni fino ad un massimo di 7.

Apicectomia – resezione della radice del dente

Nel caso del trattamento mal riuscito di una radice del dente (endodonzia) è indicato sanare il granuloma cronico.
In questo caso è raccomandata la resezione apicale insieme al tessuto circostante affetto dal granuloma acuto e cercare di preservare il dente.

Lo step successivo è l’otturazione dell’apice radicale: l’estremità della radice – la cui punta è stata rimossa – va sigillata con un materiale biocompatile per negarne l’accesso ai batteri. Quest’operazione viene chiamata siggillazione.

Nel caso della presenza di una cisti nella punta della radice la procedura è la stessa.

Cisti

Il meccanismo delle cisti nella cavità orale può essere differente.

Le cisti hanno la tendenza ad una crescita continua ed è neccesario rimuoverle chirurgicamente, indipendentemente che queste siano nell’osso o nei tessuti molli.

Foto

Promozioni

Qui trovate tutte le promozioni odontoiatriche ed estetiche che Vi offre il centro DentaS.
Promozioni di qualità a costi privilegiati!
Non farti scappare le migliori promozioni.
Iscriviti alla nostra newsletter e rimani conesso!

Leggi tutto

Newsletter